Procedure
--------------------------------
Chirurgiche Viso
--------------------------------
Chirurgiche Corpo
--------------------------------
Mediche
--------------------------------
Lifting delle cosce

Le gambe da sempre sono espressione di femminilità e sensualità. La loro bellezza dipende dalla tonicità dei tessuti, ed in modo particolare dalla tonicità dell’interno cosce che è la parte più facilmente soggetta al rilassamento o ptosi della cute.
Tale rilassamento (cosce flaccide e penzolanti) è provocato dall’invecchiamento, da una repentina variazione di peso e/o scarsa attività fisica.
Il lifting delle cosce è un intervento chirurgico volto ad eliminare l’eccesso cutaneo dalla faccia interna delle cosce ed eventualmente dei glutei, ridando allo stesso tempo tono a tutta la cute della coscia. I risultati sono in genere molto buoni subito dopo l’intervento; in alcuni casi però, per pazienti con cute particolarmente tendente alla lassità, si può assistere, dopo alcuni anni, ad un progressivo ripristino della situazione originale. Nella grande maggioranza dei casi comunque questo non si verifica.

L'intervento
Il lifting delle cosce è un intervento che si esegue in sala operatoria in anestesia locale con sedazione.
L’incisione si effettua parallela alla vulva, pertanto la cicatrice residua si mantiene verticale e ben coperta dagli slip, poi prosegue lungo la faccia interna della radice delle cosce e, procedendo posteriormente, raggiunge la regione glutea.
Attraverso tali incisioni la cute delle cosce ed eventualmente dei glutei viene stirata in alto e l’eccesso è eliminato.
L’intervento comporta pertanto delle cicatrici corrispondenti alle incisioni descritte; tali cicatrici potranno essere più o meno evidenti e potranno comunque venire agevolmente coperte da un normale slip. Potranno poi essere eventualmente migliorate chirurgicamente, in anestesia locale, ma non prima che siano trascorsi almeno 9 mesi.

 

COMPORTAMENTO PREOPERATORIO
Si consiglia di non assumere farmaci anti-infiammatori per due settimane prima dall’intervento; in quanto possono causare sanguinamento e quindi aumentare il rischio di complicanze.
Si consiglia altresì di eliminare il fumo almeno due settimane prima, altro fattore di rischio dimostrato per l’incidenza maggiore di complicanze postoperatorie.

COMPORTAMENTO POSTOPERATORIO
La paziente dovrà osservare un riposo a letto di non oltre 48 ore; successivamente potrà alzarsi, ma sarà opportuno un periodo di riposo di 10-15 giorni circa, in modo da evitare trazioni eccessive sulle ferite chirurgiche. I punti di sutura saranno rimossi non prima della 10° giornata postoperatoria.
Una ripresa dell’attività fisica moderata potrà avvenire abbastanza rapidamente, sempre con attenzione a non trazionare le ferite chirurgiche in via di cicatrizzazione.
La guida dell’automobile è consentita dopo circa 3 settimane, così come l’attività sessuale.
Le attività sportive andranno riprese non prima di 4 settimane, anche se per sport più intensi (calcio, tennis, sci, ….) si consiglia una astensione di circa 8 settimane.