2010 anno nuovo aspetto nuovo: tutti pazzi per la chirurgia estetica
intervista di Tiziana Paolocci - 10 gennaio 2010
Le donne quest'anno hanno chiesto a Babbo Natale lifting 3D, liposcultura, seni nuovi e labbra sensuali. Il dottor Alberto Armellini parla delle ultime novità per essere sempre giovani, belle e attraenti

L'anno nuovo è appena iniziato e il desiderio di bellezza è sempre più sentito da donne e uomini di tutte le età. Fra poco gli sci e gli scarponi verranno riposti e lasceranno spazio ai bikini e alla voglia di mare. Le mode passano e si susseguono come le stagioni, ma il desiderio di piacere, di suscitare ammirazione e di soddisfare le proprie vanità è da sempre molto sentito e negli ultimi anni ancora di più.


«Sotto l'albero di Natale - racconta il dottor Alberto Armellini, specialista in chirurgia plastica estetica e ricostruttiva e direttore del Gianicolo Plastic Surgery Institute di Roma - molte donne e uomini hanno trovato come regalo un intervento di chirurgia estetica donato da genitori mariti o fidanzati. Questa tendenza a regalare interventi chirurgici o trattamenti di medicina estetica, che consentono di migliorare il proprio aspetto, è indice di quanto sia diventato importante piacersi e piacere, senza distinzione di età e sesso. Fra breve in libreria ci sarà il mio ultimo lavoro scritto con il professor Terino di Los Angeles, mio maestro, che nello specifico tratta di Lifting Tridimensionale ma parla soprattutto di quanto è importante la bellezza nella vita di tutti i giorni». È universalmente risaputo che la bellezza provoca ammirazione e potere in chi la possiede e suscita profondi effetti su chi la percepisce. Gli interventi più richiesti in queste settimane sono la mastoplastica additiva che consente di ottenere un seno bello, pieno, sensuale; la liposcultura per il rimodellamento del sedere e tutti i trattamenti del viso contro le rughe, le macchie e i segni dell'età. «Si, è vero - continua il dottor Armellini- è molto aumentata la richiesta di interventi al seno, grazie a nuove protesi di forma anatomica che consentono un risultato naturale, esteticamente bellissimo e in totale sicurezza. Ma la cellulite rimane un problema molto sentito che viene meravigliosamente risolto dalla liposcultura, in quanto permette un rimodellamento del profilo corporeo soprattutto della zona dei fianchi e dei glutei. Per il viso la tossina botulinica è la migliore arma contro le rughe della fronte e le classiche zampe di gallina del contorno occhi, nuovi fillers di acido ialuronico di ultima generazione riducono le altre rughe del viso, migliorano la forma e il volume delle labbra e nuovissimi peelings californiani eliminano le macchie, riducono cicatrici da acne e migliorano la qualità e l'estetica della pelle. Il lifting tridimensionale è la via chirurgica per un viso naturale, giovane e attraente». L'ultima tendenza è non esagerare, migliorare senza stravolgere. Gli eccessi degli anni 80 e 90 sono stati sostituiti da una nuova filosofia «mi opero ma nessuno se ne deve accorgere».
È indiscutibile il fatto che specchiarsi e piacersi è una sensazione gradita da tutti, ma è importante che questa corsa alla chirurgia estetica sia controllata e ben ponderata. «Trascorro quasi tre mesi l'anno in California per lavoro da più di dieci anni - dice il chirurgo - e anche lì negli ultimi tempi si effettuano interventi più soft. Io ho sempre preferito l'eleganza e la delicatezza alle esagerazioni che con il passare del tempo rendono un viso o un corpo ridicolo. Ricordo sempre alle mie pazienti che la bellezza è armonia, equilibrio, proporzione. Purtoppo il buon gusto è una qualità non molto comune e risulta fondamentale la scelta del chirurgo e il rapporto che si stabilisce con il paziente». «La mia raccomandazione - sottolinea il dottor Armellini - è di rivolgersi a un medico specialista in chirurgia plastica, che operi in cliniche di qualità, con una equipe chirurgica al completo e sempre in presenza di un anestesista.
Le pazienti devono chiedere al medico di mostrare il proprio diploma di specializzazione e mai accettare interventi in strutture non qualificate. La chirurgia plastica è una disciplina seria, merita attenzione e rispetto».
Fermare il tempo resta un sogno, ma ora con la nuova chirurgia è possibile minimizzare i segni degli anni e prolungare la gioventù. «La moderna chirurgia - conclude Armellini - consente di imitare e avvicinarsi il più possibile ai moderni canoni di bellezza, permettendo di apparire più giovani ma soprattutto più attraenti».

questo articolo su "il Giornale"

inizio pagina